Michele, il professionista del Golf La Pinetina, ha cercato di dare loro un’impostazione di gioco sul putting green, in una lezione di pratica, lo stance, il grip, il pendolo, la forza, la lettura del green. Semplici cose per chi le sa, ma molto particolari per i neofiti. Ma in sé, dopo una oretta di prove e di scaramucce a chi faceva meglio, eccoli pronti per andare all’avventura, matitina e score alla mano.

lezione con il maestro

Già una bella avventura a vedere un percorso come quello della Pinetina che si snoda nel Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate con i suoi boschi di Pini silvestre, Betulle, Querce e Castagni, lontani da strade, rumori e dallo stress quotidiano.

michele insegna a Michelone

9 buche su un terreno molto ondulato e quindi un po’ di fatica, ma Michele Laforgia, chef di Acqua e Sale a Milano, lo ha trovato piacevole così tranquillo e immerso nel bosco. Più difficile imbucare sui green del percorso che su quello di pratica, ma ce l’ha messa tutta ed ha consegnato il secondo miglior score. Antonio Danise di Villa Necchi alla Portalupa, ha vinto con un buon 27 putt. Dobbiamo ricordare che prendevano quel ferro, il putter,  per la prima volta e che normalmente usano mestoli, forchettoni, fruste, spatole varie, coltelli di varie misure. Chissà se hanno l’obbligo di non superare il numero di 14 come noi golfisti nella sacca! Al rientro tutti hanno consegnato i loro score, avendo così anche appreso che ognuno deve tener conto dei propri risultati, per ora solo dei propri, quando avranno fatto un po’ di pratica, anche di quelli dei compagni. Dopo la fatica una buona doccia e poi ancora quel pane fantastico di Davide Longoni con tutti i suoi grani antichi e quelle pesche caramellate a fine cena dopo il risotto allo zafferano e l’ottimo roast beef di Matteo Bellardini, lo Chef del Ristorante del circolo.

prima del gioco ecco una pasta alla bottarga
in cucina
i premiati

 

Articolo precedenteDieci talenti italiani under 30 della S.Pellegrino Young Chef
Prossimo articoloChef alle prese con i ferri da golf!
Architetto veneziano, Roberta Candus, dopo un periodo di lavoro in questa veste, viene portata a Parigi dalle vicende della vita dove, per oltre ventanni lavora per il Club Mediterranèe, a Parigi e nei villaggi del mondo per poi, dopo un'immersione nel marketing, arriva a Milano come direttore comunicazione ed immagine dell'azienda francese. Per una sua esperienza a Vittel crea il circuito per il Club Med prima Interprofessional, quindi il Club Med Cup. Per la prima volta, quale sponsor dell'Open d'Italia crea i team degli sportivi nelle ProAm e, sempre legate allo sport, il Giro d'Italia in vela con Cino Ricci. Lasciati i francesi apre a Milano la sua società di comunicazione promuovendo il Cile attraverso le prime giornate gastronomiche presso il Jolly Hotel. Esce con il primo magazine Stil nel 1998 di cui è direttore per il target dei fumatori di sigaro e pipa abbinando così il suo circuito Cigar Golf Cup con degustazioni e momenti piacevoli di abbinamenti. Appassionata di distillati oltre che di sigari è presidente dell'associazione Fumatori di sigari Golfisti epicurei. La sua ricerca per tutto quel che è buono, genuino, per tutti i piaceri della vita che la natura può offrire, come sottolinea sul pay off del magazine Golf&Gusto, il periodico per gli amanti del gusto della vita, l'enogastronomia entra sempre più nelle sue corde e così nella serie di eventi Golf&Gusto Cup si possono conoscere piccoli produttori di grandi prodotti. Il fil rouge "il gusto del gioco, il gioco del gusto" fa capire il desiderio di fare cultura su questo nostro mondo ricco di piccoli, grandi produttori. Ormai da 12 anni frequenta anche il mondo degli chef per cui lo scorso anno, spinta da uno simpatico stellato, da' vita al nuovo format "Chef in Green" per far conoscere anche a loro il piacere di questo sport all'aria aperta in cui ci si batte contro se stessi per migliorarsi e condividere spazi molto belli e dialogare tra loro e con possibili clienti, conoscere prodotti, in un contesto open air diverso e bellissimo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.