Non abbiamo vinto nel gelato, ma ci siamo ben difesi sul cioccolato! Il Sigep, la fiera di Rimini alla 39ª edizione ha incoronato Maurizio Frau quale miglior MaÎtre Chocolatier d’Italia. Il Salone Internazionale di Gelateria, Pasticceria e Panificazioni artigianali e caffé di Rimini ha ospitato il 21 e 22 gennaio le prestigiose finali delle selezioni italiane valide per la partecipazione ai World Chocolate MastersTM di Cacao Barry, che si terranno a Parigi ad ottobre 2018 nell’ambito del Salon du Chocolat.

A sfidarsi per il titolo di miglior maître chocolatier d’Italia sono stati Maurizio FrauFabio RavoneClaudio SordoniNicolas Vella e Giuseppe Vitale, vincitori delle pre-selezioni italiane tenutesi l’estate scorsa al Chocolate AcademyTM Center Milano.

Il direttore della prima scuola italiana di specializzazione per professionisti della cioccolateria, gelateria e pasticceria di Barry Callebaut, Davide Comaschi, è finora l’unico italiano a essere salito sul gradino più alto del podio vincendo i World Chocolate MastersTM nel 2013. Ora toccherà a Maurizio Frau, pastry chef sardo che ha convinto una giuria di esperti composta da chef di fama internazionale Fabrizio GallaFederico AnzellottiGiovanni CavalleriLuca MannoriMaurizio Colenghi e Davide Oldani, e presieduta dallo Chef tre stelle Michelin Enrico Cerea che ha dichiarato: “Ho trovato eccellente l’organizzazione della manifestazione, al livello dei più importanti appuntamenti europei cui ho partecipato. Oltre a Maurizio Frau, il vincitore è certamente il cioccolato, meraviglioso ingrediente che i concorrenti hanno interpretato con passione. Mi aspettavo qualche sfidante in più, ma so anche che partecipare ai World Chocolate MastersTM richiede determinazione, costanza, fatica. Le stesse doti necessarie per la finale al Salon Du Chocolat, una sfida possibile anche grazie al sostegno dei professionisti del Chocolate AcademyTM Center Milano”.

Il tema scelto quest’anno da Cacao Barry per la competizione è stato Futropolis, la città del futuro declinate in tre creazioni: la «Pièce Artistica: il Futropolitan», una scultura in cioccolato che interpreta il tema Futropolis; «Gusti freschi a Futropolis», una creazione di pasticceria fresca realizzata al momento; «Chocolate on the go», uno snack al cioccolato da consumare a passeggio. Per ogni ricetta è stato obbligatorio utilizzare almeno una referenza Cacao Barry e rispettare un tempo limite.

Secondo un report di Bloomberg, entro il 2025 metà della popolazione mondiale vivrà in città con più di 10 milioni di abitanti. Come saranno queste megalopoli? Potranno essere luoghi distopici o al contrario luoghi di sinergie creative dove l’interazione fra arte, design, gastronomia e architettura garantirà una crescita sostenibile, in armonia fra uomo e natura? Ecco il futuro per Ramon Moratò, Global Creative Director Cacao Barry e membro del comitato dei World Chocolate Masters: “Le piante saranno coltivate sottoterra e sui tetti degli edifici. La gastronomia si alleerà con la scienza e la tecnologia per creare delle nuove sensazioni multisensoriali. Gli chef diverranno designer, ingegneri e scienziati per creare nuove forme di nutrimento, confezionamenti commestibili e ridurre gli sprechi alimentari. Il benessere dei consumatori sarà al centro della progettazione di ogni prodotto alimentare. Siamo curiosi di capire in che modo i maître chocolatier risponderanno alla sfida di questo tema con nuove visioni. La loro creatività porterà a un nuovo approccio ai sapori e al cioccolato”.

Maurizio Frau cercherà quindi di ricalcare le orme del presidente della Chocolate Academy portando in alto il tricolore nella capitale francese, ma specialmente ci farà sognare con questo meraviglioso ingrediente che tanto amiamo tutti, il cioccolato, che i concorrenti hanno interpretato con passione e che a lui ha cambiato la vita! È il suo ingrediente preferito che lo ha fatto riscoprire la passione per questa professione e il desiderio di realizzare il sogno, diventare un maître chocolatier.

“Sono emozionatissimo, è il mio sogno di bambino che si avvera” ha dichiarato Frau, scelto dalla giuria all’unanimità per l’eleganza, l’armonia e la pulizia delle sue esecuzioni, al momento della premiazione. A 14 anni Maurizio si innamora del cioccolato e inizia a lavorare presso la “Pasticceria Piemontese” di Cagliari. Ha frequentato “Boscolo Etoile Academy”, dove ha avuto l’opportunità di lavorare con Gabriele Bozio, Carola Stacchezzini e Luca Montersino. Successivamente, ha appreso le più innovative tecniche di realizzazione delle uova pasquali con Stefano Laghi e Massimo Villa.

Frau è stato premiato dal maître chocolatier Campione del Mondo Davide Comaschi che ha dichiarato: “Il tema di quest’anno non era certamente semplice: visionario e creativo più di quelli degli anni passati, ha richiesto grandi doti ideative e interpretative. I pezzi presentati qui, al Sigep di Rimini, hanno un buon livello tecnico, ma certo la strada da fare fino a Parigi è lunga. Ci vorranno impegno e determinazione: il vero allenamento inizia ora”.

Il lavoro fatto ha avuto anche l’apporto importante di tanti partner: Bragard, Debic, Dolcegiornale, Kitchen Aid, Irinox, Pavoni, Robot Coupe e chiaramente chi organizza I World Chocolate Masters, Cacao Barry®, uno dei brand del gruppo Barry Callebaut.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.