La pioggia non ferma i nostri appassionati chef che desiderano provare il golf. Il lunedì successivo ad una splendida giornata di sole al Golf Le Fonti dove Chef in Green aveva completato la sua parte di gara dedicata ai golfisti del circolo, la pioggia cadeva forte e poco si sperava sullo svolgimento della lezione e della gara di golf che vede sempre gli chef presenti dilettarsi all’apprendimento di questo sport. Ma l’entusiasmo di provare e l’inventiva dello staff e della direzione del circolo bolognese ha messo in campo delle attività alternative, dal giro di qualche buca con il cart alla lezione in aula. Nella sala delle riunioni del circolo, dopo un video di insegnamento sul golf, ecco che il maestro ha dato lezione di putt su un grande tappeto persiano con delle buche-bicchiere che hanno visto all’opera gli scolari chef.

Appena il tempo lo ha permesso, vestiti di cappelli e giacche da pioggia trovati presso il circolo acquistati al pro shop, gli chef e i sommelier si sono fiondati sul putting green per provare e, dopo gli abbinamenti fatti con il presidente Ivano Serrantoni, sono partiti con i cart per le nove buche di gara assieme ai loro compagni di gioco.

La pioggia aveva smesso e questo percorso per fortuna ha un ottimo drenaggio quindi i green erano giocabili e gli chef si sono messi d’impegno cercando di applicare le informazioni fornite. L’entusiasmo era palese, avremmo pensato che gli chef desistessero e anche i giocatori del circolo, anche se loro alla pioggia in campo in gara sono abituati, ma anche loro erano incantati da questo entusiasmo e tutti assieme sono partiti all’avventura.

La premiazione a fine competizione, dopo le foto di gruppo ed un rivestirsi di panni asciutti, ha visto ritirare il premio, come miglior chef per il minor numero di putt eseguiti in gara Nicholas Ditta seguito da Daniele Ditta, il gestore del Ristorante Bistrot Par 72, così la famiglia Ditta era al completo sul podio, ad affiancarli sul terzo gradino Daniele Zennaro del Ristorante Marciano di Venezia. La prima coppia è andata invece a Laura Visentin e allo chef Roberto Cortesi del Palazzo di Varignana.

Un bel exploit di questi neofiti a cui decisamente la lezione in sala era stata proficua ed il loro allenamento nei giorni precedenti… futuri giocatori di golf? Beh speriamo! Altri hanno iniziato con noi e poi hanno proseguito con lezioni presso circoli di golf vicini ed ora hanno l’hcp che permette loro di giocare una gara completa come Chef Golfista!

Dopo l’aperitivo ha fatto seguito la cena nella sala preparata con simpatici centro tavola ricchi di palline, che ha concluso, come sempre, questa giornata di Chef in Green, format ideato dal direttore di Golf&Gusto, che ha potuto vedere in cucina un clima divertente e rilassato.

I piatti preparati dai vari chef, con l’aiuto dei ragazzi del Ristorante Par 72, sono stati presentati uno ad uno dallo chef autore e sono stati graditi dai commensali che hanno riempito la sala. Anche quest’anno il tutto è stato accompagnato dalla presentazione dei vini dai sommelier presenti, così da poter fornire ai partecipanti una maggior conoscenza del vino nel bicchiere che era arrivato dalla Cantina Fratta Minore, delle colline vicine, zona Castel del Monte con il suo non solo Dama Bianca, ma Albana e, per il dolce anche un passito.

Il prossimo appuntamento sarà il 4/5 agosto al Golf Lanzo con una nutrita equipe di chef e con una bella giornata di golf.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.