Chef in Green, sempre sostenuto da Golf&Gusto quest’anno vorrebbe avere più vicine le scuole di formazione dei futuri addetti alla ristorazione, offrendo ai loro migliori studenti un posto negli eventi che organizza per farli entrare a contatto con chi, in quel mondo lavora da tempo, e in quel giorno si ritrova in un mondo diverso, ma a tu per tu con possibili clienti.
Lo scorso anno il CFP di Como ha inviato le due migliori alunne e speriamo che altri istituti facciano lo stesso.

Sempre molto legati ai nostri incontri ecco che siamo lieti di dare spazio a questa loro iniziativa fatta per solidarietà del popolo ucraino coinvolto nel conflitto. Il 15 marzo hanno organizzato la serata di raccolta fondi dal titolo “M’illumino di meno”, che ha avuto come protagonista Andrea Casali, chef stellato, ex allievo del CFP.
L’evento ha coinvolto rappresentanti del mondo delle istituzioni e del mondo produttivo del territorio. Presente anche il Presidente della Provincia di Como Fiorenzo Bongiasca. I proventi raccolti sono stati devoluti al Centro di Formazione Professionale dei Salesiani di Lviv – Leopoli che in questi giorni difficili, come molti istituti scolastici della città, ha messo a disposizione i suoi spazi per ospitare e aiutare i cittadini sfollati.
A Leopoli – racconta il direttore della scuola Don Yuriy Smakous – si sono trasferite circa 200.000 persone che fuggono dalle zone Sud, Centro ed Est del Paese. I salesiani hanno aperto le loro case e istituti, palestre, oratori, aule scolastiche.
Una cosa positiva – riferisce don Smakous – è che molte persone si sono riunite per poter aiutare in vari servizi: qualcuno cucina, altri puliscono, altri ancora organizzano il trasporto”
Ma il bisogno è sempre maggiore. Dall’Ucraina sono arrivate queste fotografie, che raccontano di scuole trasformate in centri di accoglienza e un rifugio sotterraneo dove si è costretti a rimanere per ore.
E anche altre fotografie, che ritraggono allievi del Centro di formazione professionale salesiano nella loro vita quotidiana precedente il conflitto. La speranza e la preghiera è che per tutti questi ragazzi, per le loro famiglie e questo popolo possa esserci quanto prima il ritorno alla vita.
Oltre alla cena del 15 marzo, allievi e personale del CFP stanno raccogliendo beni di prima necessità partecipando all’iniziativa del Banco Alimentare sede di Como.
Sono stati destinati alla Caritas, sempre in favore del popolo ucraino, anche i fondi raccolti dalle famiglie della classe seconda pasticceria durante un evento professionale realizzato questa settimana dai ragazzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.